Chat with us, powered by LiveChat

5 consigli per avere una casa più sostenibile

Vivere in modo eco-sostenibile è sempre più una scelta doverosa, sia per risparmiare denaro e risorse, sia per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente.

Avere una casa ecologica e sostenibile non solo si può, ma migliora anche la qualità della nostra vita diminuendo nettamente il nostro impatto sull’ambiente.

Se la struttura della casa, dagli infissi agli impianti, è l’elemento centrale su cui lavorare per migliorare la sostenibilità e abbassare l’impatto energetico delle nostre abitazioni, ci sono altri piccoli interventi che contribuiscono a migliorare il rapporto con l’ambiente.

Con qualche piccolo accorgimento a portata di tutti, è davvero possibile avere una casa più sostenibile. Il pianeta ringrazia!

Dall’arredamento green agli elettrodomestici intelligenti, dalle lampadine a basso consumo alle pitture e carte da parati ecologiche, tante sono le idee da mettere in pratica per riuscire in questo nobile intento.

Ecco qualche spunto!

1 – Arredamento: è possibile arredare casa in stile eco-friendly scegliendo mobili realizzati con materiali naturali.

Se optate per il legno, verificate che vi sia la certificazione FSC (Forest Stewardship Council), a conferma che il legname provenga da foreste gestite responsabilmente.

Non solo legno: in commercio esistono altre soluzioni per arredare casa con materiali leggeri, versatili e riciclabili, come cartone o paglia, sughero, bambù ed eco marmo.

Anche in questi casi, controllate sempre le certificazioni per essere sicuri di acquistare un arredo sostenibile.

2 – Riciclo creativo: riparare e usare “oggetti vecchi” per costruire nuovi mobili e accessori è un’attività che non solo diminuisce l’impatto delle nostre scelte di arredo sull’ambiente, ma è anche un toccasana creativo per la nostra mente.

Donare una seconda vita ad oggetti spesso considerati ormai inutilizzabili è una scelta che permette non solo di risparmiare in tempi di crisi, ma anche di sprecare meno risorse grazie alla creazione di nuovi oggetti.

3 – Luce naturale: ogni spreco di energia rappresenta un danno nei confronti dell’ambiente che ci circonda, a partire dalla luce.

Per fare in modo di accendere il meno possibile le lampadine di casa si può progettare anche questo dettaglio in anticipo.

Come fare? Beh, sfruttate l’esposizione al sole attraverso ampie finestre e lucernari.

Se invece il sole difficilmente entra nelle vostre abitazioni, cambiate le vecchie lampadine con quelle a Led.

La loro vita media è di 5 anni e mezzo e vi permetteranno di risparmiare anche in bolletta. A fronte di un costo iniziale più alto, rendono di più delle altre lampadine.

4 – Spazio al verde: il verde è naturalmente un elemento fondamentale della casa ecologica, che può essere utilizzato in diversi modi.

La soluzione più immediata è quella di distribuire nelle varie stanze vasi con piante, arbusti e fiori. Oltre a regalare un suggestivo tocco di colore, le piante contribuiranno anche a rigenerare purificare l’aria.

Per questo il consiglio è di posizionarle soprattutto in ambienti caratterizzati solitamente da dimensioni strette e atmosfera viziata, come per esempio il bagno.

In alternativa, potete sempre creare un terrarium!

5 – Elettrodomestici efficienti: ormai la tecnologia è davvero avanti e pensa a tutto, e allora perché non trarne beneficio?

Per verificare che un elettrodomestico sia eco-friendly, non dovete far altro che dare uno sguardo alla sua etichetta: quelli che consumano di meno vengono definiti di classe A (A+, A++, A+++).

Se ne avete ovviamente la possibilità, scegliendo un elettrodomestico di classe energetica, farete un investimento sul lungo periodo. Probabilmente il prezzo sarà maggiore rispetto a quelli di classe energetica più bassa, ma sicuramente la spesa fatta sarà poi ammortizzata permettendovi di risparmiare sulle bollette che verranno.

 

Ti potrebbe interessare…
0