Chat with us, powered by LiveChat

Arredare una casa in affitto: da dove partire?

Avete da poco preso casa in affitto e non sapete come arredarla?

Bene, questo articolo è dedicato a voi.

Sì, perché non sempre è possibile realizzare le proprie idee e i propri desideri: in primis perché i proprietari di casa spesso chiedono di non apportare modifiche all’arredamento già presente – che noia, ma come dare loro torto!

In secundis, perché in effetti è poco conveniente investire tempo e denaro nell’arredare una casa che non è di nostra proprietà e che prima o poi, per un motivo o per un altro, dovremo lasciare.

Eh già, prendere una casa in affitto significa anche e soprattutto accettare uno stile non propriamente in linea con i propri gusti.

E soprattutto, a norma di legge, non potete nemmeno “buttare” ciò che non vi piace: l’arredo già presente in casa infatti, deve essere per forza di cose conservato.

Quindi armatevi di pazienza, e se c’è qualcosa che proprio non vi aggrada, prendete uno scatolone e riponete tutto dentro, ma con cura! In cantina, in solaio o nel ripostiglio, c’è sempre un po’ di posto.

Fatte queste doverose premesse, non è detto che dovete rassegnarvi ad un’abitazione poco accogliente e arredata non secondo i vostri canoni di design.

Ci sono alcuni accorgimenti low cost che possono renderci la vita più semplice: di solito ciò che manca è un tocco personale che ci faccia sentire a casa. Niente paura: con un pizzico di creatività e qualche suggerimento, è possibile personalizzare anche il più anonimo degli appartamenti, senza spendere una fortuna.

Non sono necessarie grosse spese o modifiche strutturali, basta usare un po’ di fantasia e di ingegno per ottenere un appartamento in linea con la propria personalità.

Ecco da dove partire!

1 – Mensole: le mensole sono sempre un’ottima soluzione per risolvere il problema dello spazio. Se il vostro contratto d’affitto ve lo permette, sfruttate al massimo lo spazio verticale e approfittatene per decorare i ripiani con qualche accessorio.

Libri, riviste, piantine, quadri, dischi: tutti elementi che potete portare poi con voi in futuro, quando sarete pronti per un nuovo trasloco!

E se la casa è molto piccola? Beh, non preoccupatevi, anche in questo caso qualche soluzione c’è.

2 – Tappeti e cuscini: soprattutto se il budget è ridotto, meglio concentrarsi sulle piccole cose che possono rendere il vostro appartamento unico e curato.

Pochi elementi come un tappeto e qualche cuscino daranno il giusto tocco finale, senza pesare sul portafogli.

3 – Pavimento e pareti: spesso ci si trova ad entrare in appartamenti con pavimenti e pareti in condizioni non del tutto ottimali, per usare un eufemismo.

Sempre d’accordo con il proprietario di casa – in fin dei conti è anche suo interesse rimettere a nuovo il tutto! – si può optare per coprire il pavimento con laminati effetto legno con posa a incastro oppure con vinilico effetto legno.

Sono così simili al vero parquet che sarà quasi impossibile notare la differenza.

E per le pareti? Basterà dare una rapida rinfrescata per sentirle proprie. Se il vostro proprietario ve lo concede, potete anche usare un colore per adattare la casa al proprio stile.

La stessa cosa vale per la carta da parati. Se siete amanti del genere, basterà scegliere un tipo autoadesivo e removibile ed ecco che questo rivestimento sarà in grado di trasformare completamente uno spazio.

4 – Adesivi murali: semplici da applicare e facili da rimuovere, non lasciano segnacci sulle pareti una volta tolti. I proprietari di casa non se ne accorgeranno nemmeno!

Spesso è soprattutto la cucina a risultare l’ambiente più anonimo: bene, potete personalizzarla per regalarle personalità e nuova luce con uno sticker da parete a tema, con silhouette e motivi vari o creando la vostra linea decorativa personalizzata.

Un disegno, la canzone che portate nel cuore, la frase di un libro o di un film: basta veramente poco per rendere veramente vostri gli ambienti che desiderate.

5 – Cambi di luce: l’illuminazione è raramente un punto di forza delle case in affitto. Non esitate a cambiare semplicemente le lampadine, qualche faretto o una plafoniera: la giusta luce può davvero trasformare l’intera casa.

Potete anche optare per le luci LED, disponibili anche in variante pendente: ne bastano poche per donare alle varie stanze un tocco ricercato ma all’insegna della semplicità.

Insomma, bastano davvero pochi tocchi per portare un po’ della vostra personalità e del vostro stile anche in una casa in affitto.

E finalmente potrete invitare i vostri amici senza grossi patemi d’animo e imbarazzo!

Ps: E magari anche il proprietario di casa, così, giusto per! 😀

Post suggeriti
0